Corriere piccolo

domenica 4 settembre 2011

ll pensiero degli ulivi

Ho spento la tivù. Perfino Anno Zero: non se ne può più! Ora sento il rumore della pioggia. Entra dalla veranda aperta interrotto dal rombo di una moto. E’ passata, è rimasta la pioggia e leggeri veicoli in lontananza. Sono davanti al monitor, seduta un po’ bassa rispetto alla tastiera del PC. Devo sollevarmi verso l’alto. Omeri e cervicali. Sono sintonizzata sulle parole di un poeta. Lui non sa di esserlo. Non credo. Amo immensamente la sua poesia. Parla degli ulivi. Un commentatore replica di un uliveto di bambino. E’ incredulo della sua altezza. Io non ho mai posseduto un uliveto. L’ho visto da lontano, in corsa. Viaggiando con la macchina. Anch’io sono incredula nel vedere quei rami verdi spuntare dal tronco contorto e nodoso. Penso al tempo corrugato fra le incrinature e al lavoro degli uomini che sono passati per la raccolta delle drupe. Vi hanno spremuta l’anima generazioni e generazioni.  Ogni goccia di spremitura è anima di anima. Loro sono in ogni molecola: miriadi di predecessori che dimorano negli elementi. Non li vediamo perché li pensiamo in un altro tempo. Non li vogliamo vedere, per questo ci siamo inventati il tempo. E poi dovremmo accettare di essere vita e morte in un'unica essenza.
Gerbidi!
Alcuni uliveti ora sono gerbidi. Cerco il significato dell’aggettivo che mi sembra di incontrare per la prima volta, non è così, ne sono convinta, ma è la prima volta che vinco la pigrizia di controllare il significato. Terreno arido mancante di sali… gli antenati si sono agglomerati dove hanno trovato maggiore cura. Gli antenati sanno dove aggregarsi, mantengono intatta la loro intelligibilità. Questo scritto sugli ulivi, nasce dalla riflessione su più testi che li riguardano e dall’amore con cui gli autori li hanno composti. La forza del sentimento ricompone i collegamenti e l’energia ci riattraversa, noi e loro.
Penso felicemente che internet mi permette di conoscere i significati in tempo reale: “gerbido” sembra avere una connotazione negativa, invece mi ha indotta a chiarire una qualità e quindi il valore del significato. Naturalmente un significato in cui tutta l’energia del pensiero esprime la sua azione.  Mi sento strumento del pensiero fatto del compendio della nascita e della morte. Il pensiero è senza tempo… Pensiero…

48 commenti:

  1. il primo passo è quello giusto: spegnere quella roba là... e accendere mille altre cose...
    buonanotte, amica cara!

    RispondiElimina
  2. Bentornata, nou.
    Anch'io sto ascoltando gli scrosci della pioggia...

    Siamo in sintonia.

    Abbraccio infinito.

    RispondiElimina
  3. ola cara amica
    che bene scrivi, mi hai transportato a tuo eco-sistema e alle tea fantasie
    baci da lontano

    RispondiElimina
  4. Nostalgia, melanconia o tristezza?
    In ogni caso, belle le tue riflessioni, molto belle.

    RispondiElimina
  5. tutte le volte che mi trovo davanti ad un ulivo so di essere davanti ad un altare

    RispondiElimina
  6. Spegniamo la Tv e mettiamoci in sintonia con la natura.Saluti a presto

    RispondiElimina
  7. Sarebbe come dire: torniamo alla preistoria. Non è possibile.

    RispondiElimina
  8. Un omaggio bellisimo alla natura e a quei giganti compagni della nostra vita.
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. Gli ulivi: un miracolo della natura e la fatica dell'uomo me li rendono meravigliosi.
    Con questo tuo post mi ci hai fatto pensare molto.

    RispondiElimina
  10. Internet è una fonte inesauribile di informazioni...anche io ho imparato tante da cose proprio dal web...
    Io sono nuova del tuo spazio, spero che mi vorrai accogliere. Abbraccio AnnaMaria

    RispondiElimina
  11. E qui nel Ponente Ligure gli ulivi sono piu' contorti ancora che altrove e la parola gerbido aleggia nell'aria sin da quando ero bambino ...

    RispondiElimina
  12. Zio Scriba

    è bello focalizzare lo sguardo sulle cose perché sono piene di sfaccettature.

    Buona notte :)

    RispondiElimina
  13. Gianna, grazie!
    Il rumore della pioggia è sempre distensivo e in particolare quando batte sulle tegole e noi si è sotto le coperte.

    Un abbraccio, Nou.

    RispondiElimina
  14. Gianna, ola Gianna!
    Sono felice di averti trasportata da queste parti.

    Un bacione

    RispondiElimina
  15. Luigi,
    ho cercato di esprimere emozioni da letture e complessi stati d'animo in cui prevale la nostalgia.

    Grazie per l'apprezzamento.

    RispondiElimina
  16. Antonio

    Condivido. Ricordo di averne visto qualcuno da vicino in Sicilia e in Gargano. In Sicilia credo potessero dirsi gerbidi dato che vi pascolava il gregge (mah?)e la terra era pressoché brulla. La luce che filtrava attraverso l'arsura e la polvere del campo rendevano l'aria lanuginosa di un giallo impastato d'oro.

    RispondiElimina
  17. Cavaliere..

    Sarebbe bello poter essere sempre in sintonia con la natura.

    A presto :)

    RispondiElimina
  18. Luigi

    Niente preistoria: abbiamo Internet.

    :)

    RispondiElimina
  19. Cristiana, proprio così! e ce la rendono più piacevole

    Ciao Nou

    RispondiElimina
  20. Aldo, sono amici generosi: piante magiche da osservare a tutto tondo.

    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  21. Farfallalegger@

    Cara AnnaMaria, sei la benvenuta!

    Gli altri amici già sanno che non sono molto costante e mi accettano così... anche perché ritorno sempre :) Spero quindi in una duratura amicizia.

    Ciao a presto, Nou

    RispondiElimina
  22. Adriano

    Gerbido, è un termine molto interessante e sentirlo famigliare penso si comprenda più profondamente.

    RispondiElimina
  23. “Si definisce "olivo saraceno" una pianta di olivo secolare risalente alla dominazione saracena (arabi) in Sicilia.
    Sono caratterizzati da un tronco molto grande ed una chioma non molto sviluppata.
    Sono per lo più piante lasciate allo stato selvatico come ornamenti.” ;-)

    RispondiElimina
  24. Ciao Luigi, buona giornata!

    Grazie della tua spiegazione. Avevo immaginato che l'olivo saraceno fosse una varietà molto presente in Sicilia. Probabilmente sono quelli che io ho visto presso Taormina l'unica volta che siamo stati in Sicilia circa trent'anni fa. Di quella vacanza ricordo soprattutto i colori molto forti e caldi, la pizza a Taormina che ha costato il doppio del normale, però buona!, i dolcetti di mandorle di Calatabiano e la costa meravigliosa. Volevo vedere l'architettura barocca dei monumenti, ma non c'è stato modo. E' un altro appuntamento che dovrei prendere con me stessa , ma la Sicilia è così lontana per me... dovrei essere una "baronessa" e viaggiare con molta comodità e molto tempo a disposizione ;)

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Taormina è una località turistica, tutto costa il doppio. Pensa che i miei sono originari di un paesino dell'entroterra siracusano e manco dalla Sicilia da 50 anni! Quindi, non ti crucciare. Se poi vuoi vedere la bellezza della Sicilia e della sua architettura arabo-normanna e non hai visto la serie del Commissario Montalbano, basata sui romanzi di Andrea Camilleri, interpretato dal bravissimo Luca Zingaretti, acquista i DVD vedrai bellezze naturali e architettoniche mozzafiato! Puoi anche vederli in streaming sul PC.

    RispondiElimina
  27. Questo è il link: http://www.montalbano.rai.it/dl/portali/site/page/Page-cbbaf188-90bf-4fa1-be7a-1fe00df83c42.html#

    RispondiElimina
  28. Questo link ti porta direttamente alla serie: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-663f5212-f9b6-4276-934d-e00592825a7a.html#p=0

    RispondiElimina
  29. Grazie Luigi!

    Sono innamorata del paesaggio italiano e non perdo un documentario o film che lo illustri. Ho visto quindi tanti monumenti in questo modo. Ma penso che vederli dal vivo diano una diversa emozione. Comunque mi accontento e..."chi si accontenta gode", come da saggio detto.
    Più invecchio e più amo questo nostro magnifico Paese...un po' meno i suoi "pazzi" abitanti, così imprevedibili che mettono ansia da insicurezza, ma non deve essere sempre stato così date le meraviglie del territorio. Non viaggiando molto e vedendo molti filmati che mostrano il meglio, ne ho un concentrato di bellezza.

    Ciao :) alla prossima, Nou

    RispondiElimina
  30. Ansia? A me no, semmai disincanto, un po' di cinismo, 'tanticchia' di scetticismo, proprio come Camilleri-Montalbano!

    RispondiElimina
  31. Ci puoi scommettere...mi piace assai il tuo blog, sa di sincerità ☺ ♥ ♫

    RispondiElimina
  32. Questo post mi è piaciuto tantissimo, me lo sono divorato,hai reso il post una poesia sei riuscito a trasmettere emozioni ...tu sei una grande NOU

    RispondiElimina
  33. Ricambio molta gioia la tua visita
    e mi trovo a mio agio qui da te...
    per grafica del blog e per il tuo pensiero sull'ulivo,molto bello!
    Complimenti e piacere di averti conosciuta.

    Ho gironzolato un po' tra i post
    Complimenti!
    Buonanotte.

    RispondiElimina
  34. Luigi
    Camilleri-Montalbano sono fortissimi!:)

    Cavaliere..
    Cari saluti

    Farfallaleggera..
    Ciao a presto

    Marianna
    Mi fa tanto piacere che il post ti sia piaciuto, un abbraccio :)

    Rosy
    grazie della visita, a presto :)

    RispondiElimina
  35. Luigi, penso che questo "Bene!" sia il voto per il post Caro Maestro...posso passare in terza?

    :)

    RispondiElimina
  36. Tutt'altro, non ricordo il post cui accenni tu, io mi riferivo alla tua affermazione che la coppia Camilleri-Montalbano è formidabile, come ti avevo detto.
    Non so cosa vuol dire 'passare in terza' ma per me puoi 'passare in quinta'! ;-)

    RispondiElimina
  37. Grazie Luigi, con l'avanzamento di due anni in pratica compio l'istruzione primaria in due anni scolastici dato che anche la prima classe elementare l'ho frequentata per un paio di mesi...ora si capisce perchè sbaglio spesso la punteggiatura :)))

    Mi piace l'accoppiata letteraria e ho letto diversi romanzi di Camilleri che trovo bravo come autore e personaggio simpatico.

    Ciao, buona notte.

    RispondiElimina
  38. LE MIE SCUOLE ELEMENTARI SONO UN RICORDO DELLA II^ GUERRA MONDIALE E DELL'IMMEDIATO DOPOGUERRA! TU, CARA FANCIULLA SEI MOLTO PIU' GIOVANE DI ME E CREDO CHE SIA UNA INSEGNANTE. SAI CHE TI DICO? CHE MI PIACE DI ESSERE PRESO IN GIRO DA UNA FANCIULLINA CHE FA L'INSEGNATE! ;-)))

    RispondiElimina
  39. Luigi, non sono un'insegnante, ma molti lo credono e penso che mi sarebbe riuscito bene farlo perché avrei preso la professione molto seriamente per il ruolo educativo che comporta.
    Ogni tanto mi piace scherzare :)
    E mi piace quando anche tu scherzi, perché così si alleggerisce lo sguardo sul quotidiano.

    A presto, ciao :)

    RispondiElimina
  40. Ciao Ormoled :)

    Buonissima giornata anche a te

    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  41. ANCHE A ME PIACE SCHERZARE E MOLTO! PERO' PER DAVVERO TI RITENEVO UNA INSEGNANTE, PER CUI TI NOMINO INSEGNANTE 'HONORIS CAUSA' E COSI' SIA! ;-)

    RispondiElimina
  42. Grazie Luigi! Apprezzo la tua nomina anche se dopo tutto questo mio ritardo nel rispondere, imperdonabile, dubito di meritarla.

    Un abbraccio:)

    RispondiElimina