Corriere piccolo

lunedì 2 agosto 2010

2 AGOSTO 1980 - STRAGE DI BOLOGNA

Ho appena ascoltato un' intervista a superstiti di quella strage che vivono segnati dal dolore del ricordo e dei danni fisici e morali incancellabili...

4 commenti:

  1. Non partecipano i s-governanti e meno male, ma i cittadini sì, compresi i miei cugini e le loro famiglie emigrati a Bologna da oltre sessanta anni.

    RispondiElimina
  2. Con oggi sono trascorsi 30 anni e i documenti che costituiscono "segreto di stato" relativi alle indagini e alle inchieste dovrebbero essere resi accessibili.
    Ciao Aldo e grazie.
    Nou

    RispondiElimina
  3. Spero che quei benedetti documenti siano resi accessibili quanto prima!!!
    Stiamo parlando della più grande strage della storia della Repubblica.
    I depistaggi sono stati tanti e considerata l'entità della strage, vergognosi. Come minimo, vergognosi...
    I giovani sanno poco e niente delle varie stragi italiane: Portella della Ginestra, (1947); morti di Reggio Emilia (1960); Piazza Fontana (1969); treno Italicus (1974) Bologna (1980); stragi di mafia di Roma e Firenze (1993).
    E senz'altro, ne ho dimenticata qualcuna.
    Un abbraccio a tutta la gente di Bologna e del resto d'Italia che quel 2 agosto '80 è stata ferita a morte.
    Ciao... senza dimenticare.

    RispondiElimina
  4. @ Riccardo
    Ci sarà sempre chi terrà viva la memoria. Per quanto difficile sia raggiungere i veri mandanti e scoprire le vere cause, le vittime seguiteranno ad avvanzare mentre i carnefici dovranno indietreggiare: credo sia nell'ordine delle cose pur se non ce n'è evidenza. Naturalmente è auspicabile che la giustizia riaffiori attraverso gli organi preposti, che
    si dia seguito al riconoscimento dei danni subiti e si faccia luce ai tragici misteri della nostra storia contemporanea.
    Chissà...? Forse avrò la grazia di assistere ad un fatto simile prima di lasciare questo strano mondo... Sarebbe molto bello!
    Ciao, Nou.

    RispondiElimina