Corriere piccolo

mercoledì 4 agosto 2010

Il tempo

La natura era così irreale avvolta dall’umida luce invernale. Il cielo si era condensato in una cappa opalescente sospesa sugli argini. Il Po esalava, oltre le sponde, i suoi microelementi, ovattando i radi rumori della piana. Era una natura refrattaria alla ragione del tempo. Sembrava distaccata, ferma. Come ombre di manichini i pochi abitanti stavano rinchiusi dietro le finestre delle case. Un pugno di uomini rifugiatisi all’osteria, imbrogliavano, credevano, il tempo, con il madrasso, ma in loro dimorava l’allerta sull’immane silente sostanza fluida che, per capriccio, avrebbe potuto inghiottirli... E’ stata la sensazione di una frazione di secondo, poi l’orologio ha ripreso a scandire la ragione del tempo, con il suo ritmo predeterminato”.

5 commenti:

  1. La vita stessa a volte pare troppo breve, altre troppo lunga.
    Dipende dal momento...
    Cara Nou, ti saluto. Un bacio, forse un arrivederci. Prenditi cura di te :-)

    RispondiElimina
  2. Lu, ho ordinato il libro "Scorre la Senna" per colloquiare con te scambiandoci delle impressioni. Arriverà a giorni.
    Ti aspetto, arrivederci a presto!
    Anche tu abbi cura di te!
    Un abbraccio, ciaooo!

    RispondiElimina
  3. Ho l' immagine di un mondo ovattato, privo di una dislocazione territoriale come pure di una territoriale. Una realtà poco reale slegata da vincoli fisici ed emotivi. Un pensiero latente che non si concretizza. La matrice per un mondo ideale.

    RispondiElimina
  4. Errata corrige: ... dislocazione temporale come pure di una territoriale .. Pardon!

    RispondiElimina
  5. Cara Laura, ti ringrazio del commento.Volevo esprimere la stasi della percezione emotiva e fisica della realtà nella quale la coscienza ristagna un breve attimo in sé stessa. L'attimo in cui tutto sembra fermarsi in una dimensione senza tempo e noi protagonisti inerti di una vita "sospesa" al tempo e alle forse della natura. La vita segue dei ritmi brevi, lunghi, che dipendono dal momento, come osserva Lu e come è nella percezione della realtà rispetto al nostro sentire emotivo. La matrice del mondo ideale può essere un pensiero ma soprattutto è l'aspirazione all'eternità che è senza tempo.
    Ciao Laura*, un abbraccio.

    RispondiElimina