Corriere piccolo

mercoledì 10 marzo 2010

Libere parole


Vorrei afferrare le parole
Lanciarle come sassi
Giù dal monte
In libertà

Le parole sono fuoco
Sono aria e granito
Sono anima che si espande.
Piangono le parole e ridono,
tagliano e feriscono.
Sanno le parole e sono
realtà che si fa.

7 commenti:

  1. Molto, molto belle queste parole.

    RispondiElimina
  2. Ciao Nounours..
    Innanzitutto ti porgo le mie scuse per non aver risposto ancora al tuo commento relativo al mio post..
    Il motivo è che ci tengo davvero a farlo..e visto l'importanza del tema..ho bisogno di tempo..che a breve avrò a disposizione..
    In questo post mi sembra tu comunichi un senso di impotenza..un senso di incomprensione..un'impossibilità di poter essere te stessa..
    Ma sicuramente mi sbaglio...

    RispondiElimina
  3. ti ringrazio per i tuoi passaggi ma questo per me è veramente un periodo terribile !!!!!
    mi sfogo molto sul blog in voi ho trovato molti amici e non finirò mai di ringraziare !

    RispondiElimina
  4. Vorrei sbagliarmi anch'io ma a me sembra di leggere nei tuoi versi quello stesso pensiero di cui alla seconda parte del commento di BigCanaglia.

    RispondiElimina
  5. Ciao Cara, sempre molto ben ispirata..è bellissima questa poesia,complimenti.
    Ti auguro un buon fine settimana,confidando nell'arrivo della primavera.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Il tema del'espressione umana attraverso la parola, in tutti i suoi significati e utilizzi, mi affascina e mi sbigottisce allo stesso tempo.
    Beh, sì, un po' sbigottita e anche sgomenta, comunque reattiva, niente paura sono provvista di un ottimo baricentro.
    Un grazie e un abbraccio a tutti voi.
    Ciao Nounours

    RispondiElimina