Corriere piccolo

domenica 25 aprile 2010

25 aprile-festa della liberazione

" Torino e Milano furono liberate il 25 aprile del 1945: questa data è stata assunta quale giornata simbolica della liberazione dell'Italia intera dal regime fascista e, denominata appunto Festa della Liberazione che viene commemorata ogni anno in tutte le città d'Italia".

7 commenti:

  1. Benché "liberati" il 4 giugno 1944 la Festa della Liberazione e della Resistenza venne sentita anche qui a Roma.
    Finalmente la guerra finiva.

    RispondiElimina
  2. "Considerate se questa è una donna,
    Senza capelli e senza nome
    Senza più forza di ricordare
    Vuoti gli occhi e freddo il grembo
    Come una rana d'inverno.
    Meditate che questo è stato:
    Vi comando queste parole.
    Scolpitele nel vostro cuore
    Stando in casa andando per via,
    Coricandovi alzandovi;
    Ripetetele ai vostri figli"...

    RispondiElimina
  3. "Se volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove é nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata nostra costituzione."
    Piero Calamandrei.

    RispondiElimina
  4. Ho letto Primo Levi.Prima di incontrare Levi nelle sue pagine ho anche fatto domande a conoscenti e familiari.
    Mio padre è stato prigioniero dopo l'8 settembre in Albania. Mio fratello lo ha conosciuto a otto anni nel '45. Mio padre non ha mai voluto raccontare.
    Un mio cugino è stato prelevato a 16 anni e mandato in Polonia al lavoro forzato. non ha voluto raccontarmi.
    Le donne venivano torturate come solo gli uomini che odiano le donne sanno fare, una zia mi ha raccontato.
    Poi ho letto sui libri, ho ascoltato testimonianze pubbliche di persone sopravissute agli orrori ed ho creduto, e più la mia vita si prolunga e più credo.
    Il 25 aprile è la ricorrenza che mi ricorda la liberazione da tutto questo. E' una grande ricorrenza.
    Grazie Aldo e Stella.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ginevra, è proprio per quanto scrive Piero Calamandrei che non si vuole che la nostra costituzione venga stravolta.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Grazie per essere passata ieri giornata da non dimenticare mai a parere mio , per i nostri partigiani che hanno dato la vita per un Italia unita!!!!
    ciao carissima Marianna

    RispondiElimina
  7. Ciao Marianna, scusami per il ritardo, ma non ho la notifica dei commenti, così qualcuno si sperde sempre. E' un piacere per me fare qualche visita da te.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina