Corriere piccolo

giovedì 13 settembre 2012

Ieri pomeriggio-breve cronaca




foto tratta da web





Piove a dirotto. Sento le gocce colpire il telo del gazebo. Io sono sotto, sdraiata comodamente su una sedia “longue” pieghevole, comprata in saldo alla Coop una decina di giorni fa.
Il temporale è proprio sopra il gazebo e la mia testa.
Insisto a starmene qui a godermi l’umidità: anch’essa ha il suo fascino dopo un’estate torrida. L’intento era quello di raccogliere un po’ di pensieri. Ma non riesco a pensare, solo ad ascoltare lo scrosciare dell’acqua che a tratti diventa impetuoso. E’ una musica partita da tonalità leggere per passare gradualmente alle più profonde con il tuono a tambureggiare lo strato spesso di nuvole plumbee. Un vento leggero scuote la vite americana che proprio in mattinata ho liberato dai nuovi tralci. Si dibatte rincorrendosi foglia su foglia.
La pioggia cade persistentemente e tende ad invadere l’impiantito. Mi copro, ora, con la mantella impermeabile con cappuccio, rossa. Resisto. Però sento freddo e ho i piedi bagnati. Mi ritiro non ancora del tutto arresa. Lascio perciò aperta la porta d’entrata che è protetta da una cappottina e, dall’interno,  assisto alla precipitazione, benefica alla campagna e ai suoi abitanti: una bellissima musica!



24 commenti:

  1. Cara Nou che sia vero oppure racconto è veramente bello grazie di averlo condiviso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, ti ringrazio. Ogni tanto mi piace descrivere un momento della vita in tempo reale. Tutta quell'acqua dopo tanta arsura è stata proprio una bella cosa!
      Un abbraccio
      Nou

      Elimina
  2. Ed il tuo racconto porta con se l'odor della terra bagnata di pioggia, il suono e la luce dei lampi, l'orchestrante magia d'un acquazzone che veste questo fine d'estate!
    Bacione Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisena :) ...non ho parole da aggiungere. Un bacio Nou

      Elimina
  3. Finalmente. Era ora. Questa musica suona bene nelle orecchie, malgrado l'umidità e la mia artrosi. Ci voleva, eravamo arsi anche noi.
    Un abbraccione Nou,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi l'aria è tersa e fresca sotto un cielo splendente. Ci voleva!
      Baci Aldo
      Ciao Nou

      Elimina
  4. Musica stupenda anche qua (ieri ero a Bologna) il rumore delle gocce che cadevano a ritmo di jazz:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tu faccia un bel lavoro che ti porta nelle più belle città d'Europa. Quando menzioni Bruxelles è come se mi sentissi ancora là, mi fa una bella emozione. Il mondo ha la sua musica che aspetta solo di essere ascoltata.
      Ciao Grazia
      Un abbraccio

      Elimina
  5. La pioggia ha un potere tonificante.
    Pierrot

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa bene, senza ombra di dubbio.
      A presto
      Nou

      Elimina
  6. Quanti ricordi mi riaffiorano alla mente alla lettura delle tue belle parole!

    RispondiElimina
  7. Ciao Adriano, nel leggere il tuo commento mi sono chiesta chissà come saranno i tuoi ricordi e nello stesso istante mi rivedo bambina che esco di casa con l'ombrello, ché altrimenti mia mamma non mi avrebbe permesso, con il preciso intento di andare a fare. scich e sciach nelle pozzanghere del piazzale...mi piaceva e ancora mi piace tanto giocare con l'acqua :)

    RispondiElimina
  8. Senti che fuori piove
    senti che bel rumore...
    (Vasco, Sally)

    RispondiElimina
  9. Grande Vasco!
    Sono appena stata sul tuo blog "velarossa". La cena di Babette è un film che amo molto ed è quello che mi viene in mente per primo quando mi viene chiesto che films preferisco. La recensione si legge tutta d'un fiato.
    Ciao Nou
    Buona domenica

    RispondiElimina
  10. Complimenti per il racconto.
    Ti auguro una serena domenica.

    RispondiElimina
  11. Grazie Cavaliere..felice giornata anche a te

    RispondiElimina
  12. La pioggia trasmette sempre grandi emozioni... aiuta i pensieri e la memoria... anch'io talvolta mi soffermo ad ascoltarla quando batte sulle tegole delle mia casa. Un salutone, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui dicevo che è prorpio così, come tu dici. E che è molto bello ascoltare la pioggia nel confortevole riparo della casa.
      Poi è sparito, il commento nella rete :)))

      Elimina
  13. Il precedente commento e rivolto a te, Fabio, scusami, credevo di essere nello spazio relativo. Sono una pasticciona con il web :)
    Ciao! Buona giornata...qui pioviggina!
    Nou

    RispondiElimina
  14. Che bello, ascoltare l'acqua! A volte c'è più magia, più ricchezza in questo che nel "pensare", a volte è giusto lasciar andare la mente e fare semplicemente parte del mondo.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo è molto bello e le menti perverse non sono ancora riuscite a rovinarlo tutto.
      Oggi la giornata è splendida di sole, luce, tepore e un sacco di altre bellezze!
      Un abbraccio Nicola!
      Nou

      Elimina
  15. Me lo sono gustato questo tuo breve racconto come si gusta un quadro. Mi pare di averlo già detto in un'altra occasione, quello che apprezzo è che tu "dipingi" i tuoi racconti e la tecnica è l'acquerello o i colori rarefatti degli impressionisti. E' un bel quadro da incorniciare cara Nou. A presto, Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai avuto una recensione più bella e, soprattutto, che corrisponda al mio desiderio più profondo di trasmettere con la scrittura, poiché non riesco a dipingere con i pennelli :)
      Un abbraccio e a presto Antonio!
      Nou

      Elimina
    2. P.S. :Con i pennelli riesco solo a dipingere pareti, ahah!, però abbastanza bene ;))

      Elimina