Corriere piccolo

venerdì 17 dicembre 2010

Crisi sistemica: l'ora della verità si avvicina di Gilles Bonafi- 16/12/2010

E' utile sapere che:

L’8 novembre 2010 ha avuto luogo un evento d’importanza capitale, che è stato trattato in due righe dalla maggior parte dei quotidiani più importanti. Ovvero, lunedì 8 novembre Ambac Financial, l’assicuratore delle obbligazioni americano, si è posto sotto la tutela del paragrafo 11 della legge sui fallimenti degli Stati Uniti.
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=36322

7 commenti:

  1. Per quello che ho capito credo di essere fortunato giacché non posseggo azioni, buoni del tesoro, eurobond, mondialbond o titoli di qualsiasi genere.

    RispondiElimina
  2. Aldo, anch'io sono fortunata in questo senso. La proccupazione mi viene dal fatto, da quel che ho capito, che gli stati subiranno un'ulteriore crisi a causa delle cartolarizzazioni a cui hanno proceduto...beh, non ci capisco molto di economia e finanza, ma sembra che diventeremo ancora più poveri, disperatamente poveri, per il sistema finanziario che si regge su creditori nullatenenti e io non sono preoccupata per me ma per il nuovo mondo riservato ai miei figli.
    ...Mi sa che non c'ho capito una mazza, ma quel che è certo è che la situazione è molto critica.

    RispondiElimina
  3. Fingo di non averlo letto, altrimenti vado a vivere su una montagna come Zarathustra. Brividi...

    RispondiElimina
  4. Ciao Laura*!E' un'analisi catastrofistica, mette paura! Speriamo che l'autore abbia esagerato.

    RispondiElimina
  5. Ma anche ad non avere titoli di nessun genere, come consumatori, ma ancor più come contribuenti, abbiano già pagato le tempeste finanziarie ed ancor più le pagheremo, ahinoi!

    RispondiElimina
  6. Ciao Adriano
    Ciao Stella
    Siamo italiani, ce la caveremo! Noi di una certa età sappiamo già che cosa è stato. I nostri figli e nipoti impareranno a distinguere ciò che è veramente importante.

    RispondiElimina