Corriere piccolo

lunedì 3 luglio 2017

Ci sono parole



Ci sono parole...

Ci sono parole che subito ti entrano dentro e si ambientano bene nella tua testa, come se fossero sempre state lì e, ancor prima di te, avessero abitato la tua mente, ancor prima che tu nascessi.
Ci sono parole che sembrano essersi cercate, riconosciute affini e consolidate alla tua materia cerebrale. Sono le tue parole,  quelle che formano i tuoi pensieri spontaneamente, naturalmente, senza alcuna fatica: sono te stesso!
E poi  ci sono parole che conosci, ma che non entrano. Ogni volta che le usi devi ricontrollare il significato. Altre ancora, sia pur avendole consultate sul dizionario, rimangono incomprensibili, coriacee, indigeribili. Non trovano posto nella tua mente. Queste parole appartengono a se stesse o ad altre menti/mondi.
...ci sono parole e parole!

9 commenti:

  1. Cara Nou, parlando di parole si arriva all'infinito, bisognerebbe sempre direi pesare le parole, spesso senza volere fanno male, solo quelle che vengono dal cuore dobbiamo lasciarle libere per portare spessa tanta tranquillità nella vita.
    Ciao e buona settimana con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo stare molto attenti al peso delle parole perchè possono indurire il cuore. Solo nel cuore possiamo trovare la forza dei sentimenti. Una persona senza sentimenti o senza parole per essi è perduta in questi tempi confusi e senza
      dubbio violenti.
      Un abbraccio, Tomaso!

      Elimina
  2. Ci sono parole che forse a volte non vogliamo sentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Creano una realtà che non vorremmo si sviluppasse sia dentro di noi che attorno a noi.

      Elimina
  3. Ci sono parole che ci fanno orrore, eppure dobbiamo ascoltarle e leggerle nostro malgrado.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei grandi malanni odierni, la grande diffusione dei mezzi di diffusione della espressione con parole non soppesate, parole dannose, al vento, che pure esse fanno il loro percorso.
      ciao Cri!

      Elimina
  4. Cara Nou, scopriremo un giorno che l'unica cosa di cui siamo fatti sono le parole. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonio, è quello che penso e temo. Mi conforta la.mia età, ritenendo che non farò in tempo a vedere questa completa trasformazione.
      Intanto viviamo la mistificazione del nostro essere in questa vita di parole che non vogliamo sentire, parole che non debbono e non possiamo permettere che entrino dentro di noi.
      Bacio.

      Elimina
    2. P.S. Come dice Tomaso, "parlando di parole si arriva all'infinito" .
      Ero partita con l'idea che le parole definissero la nostra identità e naturalmente in parte è vero. Io sono portata a credere che sia una parte molto rilevante. Con esse ci costruiamo la coscienza e la conoscenza di noi stessi e del mondo.

      Elimina