Corriere piccolo

giovedì 1 novembre 2012

Un tanto per dire del 1 e 2 Novembre







Oggi non festeggio i Santi e domani avrò un pensiero per i Morti tutti i Morti compresi i Santi
La Rosina invece festeggiava come Qui

23 commenti:

  1. Quando ero piccola, i miei nonni lasciavano in questa notte la tavola apparecchiata, perché i morti potessero venire a nutrirsi. Anche oggi mi rimane il ricordo di una comunanza tra noi e chi se ne è andato e mi pare bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Grazia, sono passata da poco da te, nella bellezza della pittura giapponese e nelle vedute del Fuji Ama. Ti lascio qui sotto un link a un altro artista che ha onorato questo molte e il suo sole levante.
      Mia mamma cambiava le lenzuola a tutti i letti e non permetteva a nessuno di andare nelle camere per non disturbare il riposo che, nel giorno dei santi, era permesso ai nostri defunti nei solo letti :)
      Mario Brunello

      Gli artisti sono angeli che riempiono il mondo di meraviglia.

      Elimina
    2. Correggo: Non molte ma monte

      Elimina
    3. Correggo anche: nei loro letti :(

      Elimina
  2. il confine tra i cosiddetti vivi e i cosiddetti morti è una linea mista di sabbia e di nebbia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi affascina molto la teoria dei mondi paralleli..

      Elimina
  3. Proprio così "...l'è el destin ch'el decide per nantri..."
    Parole più vere non poteva dirle.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  4. "El decide lu e anche se nantri a'nvolemo (non vogliamo), a lu a gh'interessa proprio gninte".
    Ciao Aldo, ieri tirava tanto vento e la stufa destinata a riscaldare corridoio, scale e piano superiore faceva uscire il fumo da tutte le fessure, registri vari, congiunture di tubi che sembrava un drago furente, però oggi si è calmata e sta facendo il suo dovere :) Di bello in questo periodo è che ci sono le castagne che possiamo far scoppiettare sulla piastra e un buon bicchiere di vino rosso e anche bianco per chi non soffre di gastrite: capiscimi a mmè ;)
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  5. Com'è dolce questo post con tutti i commenti in tema, cara Nou.
    Ti ringrazio di cuore, per la dolcezza che ho potuto provare.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  6. Sono ricordi veri del tempo passato e un modo di vivere semplice con un buon rapporto con le emozioni e il sentimento di appartenenza alla vita e alla storia di una piccola comunità. L'aspetto più rilevante era l'accettazione di tutti perché ognuno di noi importante e in qualche modo necessario alla vita degli altri. Qualche neo di incomprensione veniva subito chiarito e dimenticato.
    Ciao Lara
    Nou

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho compreso bene il post di Rosina.

    E' un bel valore l'accettazione di ogni singolo...

    Una preghiera per i nostri morti.

    Buona serata, Nou.

    RispondiElimina
  8. Questa supplica è una preghiera che faccio spesso:


    L'eterno riposo

    dona loro, o Signore,

    e splenda ad essi la luce perpetua.

    Riposino in pace.

    -La luce perpetua la dò per certa per essere loro entrati nell'anima universale. Naturalmente i miei/nostri cari li penso con la loro fisionomia individuale anche se è un'illusione, un bisogno umano.

    Ciao Gianna, proprio oggi uno studioso affermava che aver fede fa bene alla salute e aiuta a vivere più a lungo e in salute. Io non ho molta salute ma ho superato molti momenti critici e quindi non posso dire né che ho fede, né che non ne ho e neppure se lo studio fatto sia attendibile o meno, certo la fiducia aiuta la serenità e dà forza.

    Un abbraccio Nou

    RispondiElimina
  9. giorni di riflessione!
    ciao
    Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inevitabile anche un po' di malinconia
      :)
      Nou
      Ciao

      Elimina
  10. Mi unisco al tuo pensiero.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A presto Cavaliere..
      Un abbraccio

      Elimina
  11. Adoro la lingua veneta, mi sembra tanto dolce e musicale.
    Un abbraccio, Nou.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio dialetto risente della vicina provincia di Ferrara essendo io nata sulla riva sinistra del Po di Goro, ma ha mantenuto le tonalità cantilenanti.
      Ciao Ibadeth
      Abbraccio
      Nou

      Elimina
  12. Peccato che le antiche abitudini,oggi siano state stravolte,quanta nostalgia.
    Anch'io ho seguito quella trasmissione,la pensiamo allo stesso modo.
    Ciao Nou un 'abbraccio Lidia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so se fosse una consuetudine diffusa, certo mia mamma ci teneva molto.
      Riguardo alla trasmissione, sembrava che ci fosse una seria base scientifica e ho ascoltato con molto interesse.
      Ciao Lidia, un abbaccione :)
      Nou

      Elimina
  13. Condivido il tuo pensiero.
    Festeggio i santi perchè è il compleanno del mio "ragazzo", penso che bisogna onorarle in vita le persone per poi tenerle nel cuore sempre, nonostante tutto...vado al cimitero, ma mi mette tanta tristezza, anche lì c'è l'abbandono. Un bacio cara amica, sempre bello leggere i tuoi pensieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In vita le possiamo onorare e quindi rispettare e non c'è modo migliore di stare insieme.
      Al mio paese nativo le donne si trovano al cimitero ma non fanno come la Rosina che si sedeva ai piedi della tomba del marito. Tengono compagnia ai loro morti chiacchierando sedute su una panchina.
      La prossima volta le fotografo ;)
      Bacioni Riri
      Ciao Nou

      Elimina
    2. P.S.: Augurissimi al tuo Ragazzo :)

      Elimina