Corriere piccolo

giovedì 5 novembre 2009

L'Amour aveugle

L’Amour aveugle et son auteur Patrick Cauvin

Ho rispolverato il romanzo in lingua francese che molto tempo fa è stato oggetto di apprendimento della lingua d’oltralpe in modo proficuo e divertente presso una scuola di lingue straniere. Mi ha riportato ai tempi eroici delle aspettative intatte di una vita piena di promesse. Una di queste era mantenere viva la seconda lingua appresa con lo studio negli anni della formazione scolastica e durante l’anno di permanenza a Bruxelles presso una famiglia francofona come ragazza alla pari. Ne farò un utilizzo ancora divertente e costruttivo cercando di tradurlo: sperando di rinfrescare la memoria incrostata di qualche decennio. Tradurrò brevi periodi, senza fretta e come un gioco. Per questo voglio chiedere anzitutto scusa all’autore, per il mio ardire e in secondo luogo a qualche lettore francese che potrebbe visitare questo sito.
Patrick Cauvin è definito dai critici: “autore ironico, che usa un linguaggio incisivo e realistico”. Je l'aime bien! (Nounours)

Brano e trad. n.ro 1-
Prefazione

“Le jour de la distribution des prix, Jacques Bernier assis sur l’estrade devant ses élèves, rêve: il roule déjà vers la Provence où il retrouvera sa fille Anne et sa bande. Le lendemain, jour du départ, la frénésie des vacances le saisit, il se prend pour Fangio sur l’autoroute, s’achète un costume en jean et décide d’oublier ses 45 ans. Mais, dès son arrive chez les jeunes, ses complexes reviennent au galop et il s’échappe pour retrouver la solitude, sa vieille compagne de toujours.”

Il giorno della premiazione, Jacques Bernier seduto sulla pedana davanti ai suoi allievi, sogna: corre già verso la Provenza dove si riunirà alla figlia Anne e alla sua banda. L’indomani, giorno di partenza, la frenesia delle vacanze lo assale, si crede Fangio mentre corre in autostrada, si compra abbigliamento jeans e decide di dimenticarsi dei suoi 45 anni. Ma, già al suo arrivo dai ragazzi, i suoi problemi ritornano galoppanti e rifugge in cerca di solitudine, la sua compagna di sempre.

2 commenti:

  1. Che bella sfida Franca, ti seguirò fino alla fine!
    Sei sempre "Una grande!".
    Un abbraccio.
    Claudio

    RispondiElimina
  2. Io mi aiuto... ma spero tanto che il ciel mi aiuti!
    Bacioni!

    RispondiElimina