Corriere piccolo

sabato 7 febbraio 2015

Le fritoe di Cesare Colonnese




E queste sono le mie

Solo per carnevale!

10 commenti:

  1. ...e quelle nun so' "fritoe", so' bombe a mano ma a me nun me fregherebbe gnente perché me ne magnerebbe 'na ventina.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le ho fritte nello strutto e ti posso assicurare che sono molto, ma molto più buone e digeribili.
      Se ne ponno magna' puro 'na trentina:-D
      Baci

      Elimina
  2. Buonissime cara Nou, solo che sono molto caloriche!!! Ma già per carnevale è giusto!
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Molto caloriche è vero, per ciò ho precisato:"solo per carnevale!"
    Buona domenica pure a te! Qui è stata una giornata splendida, piena di sole:-)
    Ciao Nou

    RispondiElimina
  4. Slurp!! :)
    (Simpaticissima anche la parlata venexiana...)

    RispondiElimina
  5. Il protagonista si può vedere anche in altre tipicissime ricette. Oltre a esaltare i piatti tipici veneziani (che io ho imparato da un veneziano di antica stirpe buranella) caratterizza il comportamento del veneziano popolano, infatizzandolo di poco. A forza di chiedere ingredienti in prestito al vicinato e non preoccupandosi veramente di restituire, rischia di non poter più uscire di casa temendo qualche legnata :-D
    Le ricette sono ottime. Le frittelle vanno lasciate lievitare almeno 4 o 5 ore per aver il risultato migliore.
    Io devo essere più paziente in questo, mi limito a due ore. Ma ogni carnevale miglioro un po' :-)
    Naturalmente le innaffiamo con un prosecchino di Valdobbiadene...e poi mi guardo le maschere nel tg-regione, perché ora vivo lontano da Venezia.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  6. Ah, buone!! Quante cose mi perdo quando non sono in Italia (io non mi metto certo a farle, sono allergica ai fornelli)!

    RispondiElimina
  7. A me piace molto cucinare. ..solo quando ne ho voglia!
    Non è raro che si pasteggi con un panino o pollo allo spiedo comprato in rosticceria. C'è sempre un contorno di verdura che prepara mio marito. .. io,qualche volta, quando costretta dalla situazione. Ma al piacere di fare le frittelle e anche di mangiarne, non posso rinunciare: non sarebbe carnevale! :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. ...ecco cosa intendo per "sapere delle mani", sono tornato su questo tuo post per dirtelo ;-) ieri me ne sono dimenticato. Un saluto.

    RispondiElimina
  9. Il sapere delle mani ha fondamento nel sentimento più profondo della vita. Comunque si manifesti non è mai banale.
    Un abbraccio
    Ciao Nou

    RispondiElimina