Corriere piccolo

lunedì 21 aprile 2014

...poi mi svegliai



Immagine da web- ritratto di Claudio Arzani




Lui era irrequieto. D’una irrequietezza vivace, allegra. Sbarazzino nei capelli ricci, inondati di sole giallo. I suoi occhi erano verdi, ridenti.  Quando lo incontravo nella via, si fermava. Per un po’ mi sorrideva e mi parlava attraverso il suo sguardo ridente, mi fissava. C’era gioia e speranza in quel che traspariva. Ma presto abbassava gli occhi come preso da improvviso timore e cercava di scomparire frettolosamente. Io lo lasciavo andare, sapevo che sarebbe tornato.

Ero rapita dalla sua gioia vivace. Mi sentivo ravvivare e piena di emozioni da quando lo avevo conosciuto. Non so come si stabilì un appuntamento fra di noi. Indossai un abito bianco di un tessuto morbido lavorato con filamenti brillanti, in rilievo. Un tubino di linea scivolata senza maniche. Ero molto elegante, come mai prima. E i miei capelli erano neri e lucidi, una chioma ondulata che arrivava alle spalle.

Ero sicura che ci saremmo amati quella sera. 
Aspettai sulla porta a lungo. 
Lo vidi in lontananza nel parco, seduto su una panchina vicino al bar. Aveva con sé un bambino. Girò la testa verso di me, da lontano che appena me ne accorsi. Non si avvicinò, né mi chiamò.

18 commenti:

  1. Che bel sogno!!!.....un lui, l'attesa, l'emozione, la gioia, un abito bianco, dei filamenti brillanti....un bambino.....e poi la maledetta sveglia della realtà!!
    Ciao cara Nou! Buonanotte!!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sveglia della realtà si rivela felice solo dopo un incubo. Questo però è stato un bellissimo sogno ricco di sfumature emozionali che si esprimevano empaticamente.
      Ciao Intherainbow! Felice giornata :)

      Elimina
  2. I sogni sono lo specchio della nostra anima.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido. Mi piacerebbe saperli interpretare.
      Ciao Cavaliere..a presto

      Elimina
  3. Ed anche da svegli poi .... il sogno continua a vivere perché un sogno, sia bello che brutto, lascia sempre le sue orme fino a confondersi nei ricordi ........
    Un bacio Nou ..... che d'un sogno ne hai fatto un bel ricordo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sogno continua a vivere finché il ricordo è vivo. Ed è ancora netto il ricordo dello sguardo del giovane uomo, il suo sorriso che non sono riuscita a rendere con le parole. Malgrado il finale, che lascia un po' sospesi, rimane un bellissimo ricordo.
      Un abbraccio Elisena :)

      Elimina
  4. L'ho vissuto anch'io, questo sogno.
    Nella realtà.
    Poi mi svegliai, e, ahia :)
    Ma ciò che conta è che quel sogno, e il dolore che ne è conseguito, mi ha svegliato. Non da quel sonno, ma da un sonno lunghissimo che durava da quasi tutta la vita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono sentimenti persistenti che sfidano il tempo. Penso sia il desiderio di eternità che si può provare nell'amare o nell'amore. Non nell'innamoramento e nelle pulsioni che indubbiamente hanno grande rilevanza, ma che ingannano la realtà. Parlo di quell'amore che coinvolge tutto noi stessi per la vita in tutta la sua durata. Quest'amore non necessariamente viene ricambiato e, per quanto ne ho esperienza, è a senso unico.
      Ciao Cri :)

      Elimina
  5. Non l'ho letto come un sogno ma come uno di quegli episodi della vita in cui un evento può cambiare il corso dell'esistenza. Uno sguardo non ricambiato, una piega del vestito, una bavetta di vento che stravolgono tutto oppure passano inosservati, che alla fine è la stessa cosa. E cosa sono quegli episodi così decisivi e effimeri se non sogni? Un abbraccio cara Nou.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli episodi a cui tu accenni penso difettino di sincronismo. Magari in un altro momento, in un altro luogo l'attenzione si sarebbe sviluppata. E' come se la coscienza si sia assopita in quel frangente. Ed è vero che sono episodi che potrebbero determinare un altro corso della vita. E' un pensiero molto affascinante.
      Un abbraccio Antonio, bentornato :)

      Elimina
  6. Questo sogno è una favola!
    Si dice che..i sogni son desideri?
    Bacio a te Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho raccontato gli elementi essenziali che lo hanno caratterizzato, ma ha avuto delle belle sfumature "telepatiche" che non ho saputo dire. Ora mi fai pensare che non c'è stato alcun contatto fisico: mi chiedo che ne avrebbe detto Freud? :)
      Un abbraccio Rosy.
      Ciao Nou

      Elimina
  7. Uno di quei sogni che ti lasciano una sensazione vivissima anche da sveglia, come se ti venisse regalato un pezzo di vita in più.

    RispondiElimina
  8. Che bello sognare così, anche senza lieto fine.
    E poi vuoi mettere? L'immagine da sola vale un milione di commenti.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando riesco a ricordare un bel sogno mi sento bene ed è, come dice Silvia Pareschi: "...come se ti venisse regalato un pezzo di vita in più."

      Riguardo all'immagine, quando l'ho scelta ho pensato che ti sarebbe piaciuta...è un dipinto molto bello!

      Bacioni
      Nou

      Elimina
  9. C'è il risveglio..è vero,ma certi sogni possono lasciare buone e piacevoli sensazioni.
    un cordiale saluto,Nou-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto ricordare i sogni. Penso che vogliano raccontarmi qualcosa e di sicuro mi raccontano frammenti di vita vissuta e frammenti di vita desiderata in una fantasiosa miscellanea.
      Un caro saluto Chicchina!
      Ciao :)
      Nou

      Elimina